Bilancio 2014

HIGHLIGHTS

28.512

MLN €

Totale Ricavi

691

MLN €

Risultato operativo

212

MLN €

Utile netto

437

MLN €

Capex

GESTIONE ECONOMICA

L’andamento economico del 2014 del Gruppo Poste Italiane e della sua Capogruppo nel complesso evidenzia, in un contesto generale che permane condizionato dalla congiuntura economica negativa, una positiva performance dei servizi assicurativi e di quelli finanziari, a cui si contrappone un ulteriore indebolimento dei servizi postali tradizionali che hanno registrato una progressiva contrazione dei ricavi, generando un rilevante impatto sui risultati.

CONTO ECONOMICO

VariazioniEsercizio
(milioni di euro)%Valori20132014
Ricavi e proventi (4,9) (472) 9.622 9.150
Premi assicurativi 17,2 2.272 13.200 15.472
Proventi diversi derivanti da operatività finanziaria e assicurativa 15,0 491 3.281 3.772
Altri ricavi e proventi (28,5) (47) 165 118
Totale ricavi 8,5 2.244 26.268 28.512
Costi per beni e servizi (3,1) (86) 2.734 2.648
Variaz. riserve tecniche assicurative e oneri relativi ai sinistri 17,1 2.617 15.266 17.883
Oneri diversi derivanti da operatività finanziaria e assicurativa 2,7 2 74 76
Costo del lavoro 3,7 221 6.008 6.229
Ammortamenti e svalutazioni 13,9 82 589 671
Incrementi per lavori interni (47,4) 27 (57) (30)
Altri costi e oneri 35,4 90 254 344
Totale costi e altri oneri 11,9 2.953 24.868 27.821
Risultato operativo e di intermediazione (50,6) (709) 1.400 691
Proventi finanziari (12,4) (28) 226 198
Oneri finanziari 94,9 93 98 191
Proventi/(Oneri) da valutaz. partecipaz. con il metodo del Patrimonio netto n.s. (1) - (1)
Risultato prima delle imposte (54,4) (831) 1.528 697
Imposte (35,0) (261) 746 485
Imposte esercizi precedenti per variazione normativa n.s. 223 (223) -
Utile d’esercizio (78,9) (793) 1.005 212

n.a.: non applicabile.
n.s.: non significativo.

In particolare, il Risultato operativo e di intermediazione di Gruppo si attesta a 691 milioni di euro (1.400 milioni di euro nel 2013), risentendo del calo dei ricavi dei Servizi Postali e Commerciali che passano da 4.452 milioni di euro del 2013 a 4.074 milioni di euro nel 2014.

 

GRUPPO - Ricavi per settore operativo (dati in milioni di euro)

Grafico Ricavi per settore operativo GRUPPO

 

I ricavi totali conseguiti a livello di Gruppo ammontano a 28.512 milioni di euro (26.268 milioni di euro nel 2013) e beneficiano del positivo apporto dei premi di Poste Vita.

 

  • Servizi Postali e Commerciali: i ricavi si riducono dell’8,5% (-378 milioni di euro) e continuano a risentire del declino delle forme di comunicazione tradizionale, indotto anche dalla trasformazione dovuta all’evoluzione tecnologica verso il mondo digitale, e della generale riduzione della domanda di prodotti e servizi, aggravata da una forte competizione sul prezzo.
  • Servizi Finanziari: i ricavi si mantengono in linea con l’esercizio precedente, attestandosi a 5.358 milioni di euro (-0,6% rispetto al 2013) e beneficiano di una positiva performance dei proventi diversi derivanti da operatività finanziaria.
  • Servizi assicurativi: il contributo ai ricavi totali di questo comparto, presidiato dal Gruppo assicurativo Poste Vita, è stato positivo per 18.840 milioni di euro, segnando una crescita del 16,5% rispetto ai 16.166 milioni di euro conseguiti nell’esercizio precedente.
  • Altri Servizi: i ricavi totali del settore Altri Servizi ammontano a 240 milioni di euro (260 milioni di euro nel 2013) e si riferiscono ai risultati conseguiti nell’ambito delle attività di telefonia mobile resi da PosteMobile SpA e dal Consorzio per i Servizi di Telefonia Mobile ScpA.

 

SCOPRI DI PIÙ

GESTIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE

La struttura patrimoniale del Gruppo Poste Italiane è caratterizzata da un Capitale investito netto di 3.677 milioni di euro, coperto interamente dal Capitale proprio.

CAPITALE INVESTITO NETTO

Alla formazione del Capitale investito netto al 31 dicembre 2014 hanno concorso, oltre alle variazioni del Capitale immobilizzato e del Capitale d’esercizio:

  • il decremento del saldo netto attivo Crediti/(Debiti) per imposte differite per 513 milioni di euro, principalmente ascrivibile alla variazione positiva della riserva di fair value degli investimenti in titoli del BancoPosta, che ha generato un aumento delle passività per imposte differite;
  • l’incremento per 168 milioni di euro dei Fondi per rischi e oneri, a cui ha concorso l’accantonamento a fondo ristrutturazione.

(dati in milioni di euro)31/12/1331/12/14VARIAZIONI
Capitale immobilizzato 3.145 2.893 (252)
Capitale d’esercizio 3.052 3.941 889
Fondi per rischi e oneri (1.166) (1.334) (168)
Trattamento di fine rapporto e Fondo di quiescenza (1.340) (1.478) (138)
Crediti/(Debiti) per imposte differite 168 (345) (513)
Capitale investito netto 3.859 3.677 (182)

POSIZIONE FINANZIARIA NETTA

Al 31 dicembre 2014 la Posizione finanziaria netta presenta un avanzo di 4.741 milioni di euro (3.257 milioni di euro di avanzo a fine esercizio 2013), che riflette:

  • una componente valutativa legata al fair value degli investimenti in titoli AFS (available for sales) in portafoglio (circa 2.650 milioni di euro);
  • disponibilità liquide vincolate a copertura delle riserve tecniche assicurative o assoggettate a vincolo di impiego (Patrimonio Banco-Posta);
  • attività finanziarie nette delle società Poste Vita e Banca del Mezzogiorno-MedioCredito Centrale che presentano vincoli patrimoniali di vigilanza (circa 1.900 milioni di euro).

(dati in milioni di euro)31/12/1331/12/14
Passività finanziarie 51.770 55.358
Riserve tecniche assicurative 68.005 87.219
Attività finanziarie (118.467) (142.687)
Riserve tecniche a carico dei riassicuratori (40) (54)
Indebitamento netto (avanzo finanziario netto) 1.268 (164)
Cassa e depositi BancoPosta (3.080) (2.873)
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti (1.445) (1.704)
di cui:    
- Saldo rettificato delle disponibilità liquide e mezzi equivalenti (559) (778)
- Disponibilità liquide assoggettate a vincolo di impiego (262) (511)
- Liquidità a copertura delle riserve tecniche assicurative (624) (415)
Posizione finanziaria netta (3.257) (4.741)

 

SCOPRI DI PIÙ

Aree di business

  • SERVIZI FINANZIARI
  • SERVIZI ASSICURATIVI
  • SERVIZI POSTALI E COMMERCIALI
  • ALTRI SERVIZI

Il settore operativo Servizi Finanziari riguarda l’offerta di conti correnti, servizi di pagamento, prodotti finanziari e di prodotti di finanziamento sviluppati da terzi. Tali attività sono state attribuite al Patrimonio destinato BancoPosta.

  • PATRIMONIO BANCOPOSTA
    Nel corso del 2014 il Patrimonio BancoPosta ha orientato la propria offerta commerciale verso lo sviluppo del cross-selling e l’incremento delle giacenze sui conti correnti. In tale ottica, il comparto dei conti correnti privati è stato caratterizzato dall’arricchimento dell’offerta del Conto BancoPosta Più, attraverso l’introduzione di due nuovi comportamenti premianti: la sottoscrizione di polizze assicurative Postaprotezione SiCura e/o Postaprotezione Infortuni e l’acquisto di prodotti PosteMobile, che consentono l’azzeramento del canone annuo del conto. Con riferimento al segmento PMI è stato realizzato il restyling dell’offerta del Conto BancoPosta In Proprio che, per effetto del meccanismo premiante, consente la riduzione del canone mensile del conto. Sono state inoltre condotte alcune iniziative tese da una parte a incentivare la raccolta di nuova liquidità, dall’altra a consolidare il posizionamento sul mercato dei conti correnti privati e business.
    • I risultati commerciali dei Servizi Finanziari afferenti al Patrimonio BancoPosta evidenziano un decremento dei ricavi, che passano da 5.326 milioni di euro del 2013 a 5.228 milioni di euro nel 2014 (-1,8%), prevalentemente ascrivibile all’andamento dei conti correnti.

     

    SCOPRI DI PIÙ

  • BANCA DEL MEZZOGIORNO-MEDIOCREDITO CENTRALE SPA
    Nel corso del 2014 la Banca del Mezzogiorno-MedioCredito Centrale (BdM-MCC) ha continuato a supportare lo sviluppo delle imprese meritevoli operanti prevalentemente nel Mezzogiorno, sia attraverso la propria attività creditizia, sia promuovendo e facilitando il ricorso ad agevolazioni pubbliche.
    • L’esercizio 2014 chiude con un margine di intermediazione di 100,6 milioni di euro (64,2 milioni di euro del 2013) e un margine di interesse di 43,7 milioni di euro (21,1 milioni di euro del 2013).
    • Lo stock dei crediti a fine 2014 ammonta a 1,3 miliardi di euro contro 771 milioni di euro di consistenza a fine 2013.
    • In crescita anche le commissioni nette (41,1 milioni di euro nel 2014, contro 35,4 milioni di euro dell’esercizio precedente) maturate prevalentemente sull’attività di gestione del Fondo di Garanzia per le PMI.
    • Il risultato economico al 31 dicembre 2014, al netto delle imposte, presenta un utile di 37,6 milioni di euro (11,6 milioni di euro nel 2013).

     

    SCOPRI DI PIÙ

  • BANCOPOSTA FONDI SPA SGR
    BancoPosta Fondi SpA SGR, nel corso dell’anno 2014, ha continuato a svolgere le attività riferibili agli OICR e al servizio di Gestione di portafoglio su base individuale.
    • Il Patrimonio complessivo rappresentativo delle linee di business aziendali (Gestione di portafoglio e Gestioni collettive), al 31 dicembre 2014 ha raggiunto i 62,2 miliardi di euro (+36% rispetto al dato di fine 2013, corrispondenti a un incremento di 16,3 miliardi di euro).
    • La gestione dell’esercizio ha evidenziato un risultato netto positivo di 14 milioni di euro (11 milioni di euro il risultato dell’esercizio precedente).

     

    SCOPRI DI PIÙ

GRUPPO ASSICURATIVO POSTE VITA

La gestione del Gruppo assicurativo Poste Vita nel corso del 2014 in continuità con gli obiettivi strategici perseguiti negli ultimi anni, è stata principalmente finalizzata a:

  • consolidare e rafforzare il posizionamento della Capogruppo Poste Vita nel mercato Vita e Previdenza, con un focus particolare nel comparto della previdenza complementare e dei bisogni emergenti (welfare e longevità);
  • crescere nel business Danni con l’obiettivo di posizionare la controllata Poste Assicura in un ruolo di leadership del mercato di riferimento.

L’attività commerciale è stata indirizzata pressoché esclusivamente alla commercializzazione di prodotti d’investimento e risparmio di Ramo I (prodotti tradizionali con gestione separata) con una raccolta di circa 14,7 miliardi di euro (13 miliardi di euro nel 2013), mentre marginale è la contribuzione derivante dal collocamento di prodotti di Ramo III (17 milioni di euro nel 2014 rispetto a 79 miliardi di euro del 2013).
Nel complesso, la produzione ammonta a 15,4 miliardi di euro (13,2 miliardi di euro di premi nel 2013).

 

SCOPRI DI PIÙ

  • CORRISPONDENZA E FILATELIA
    Le iniziative intraprese nel corso del 2014 sono state orientate a rafforzare la relazione con la clientela e a potenziare il modello commerciale, attraverso l’integrazione delle piattaforme logistiche e tecnologiche e l’introduzione di soluzioni innovative per rispondere in maniera sempre più puntuale alle richieste di mercato.
    • i risultati dei servizi postali di Corrispondenza e Filatelia evidenziano nel 2014 un arretramento dei volumi e dei ricavi rispettivamente del 10,4% (-431 milioni di invii) e dell’11,4% (-351 milioni di euro) rispetto al 2013;
    • i ricavi da mercato ammontano a 2.713 milioni di euro e registrano una diminuzione del 10,3%, corrispondente a 312 milioni di euro in meno rispetto al 2013.

     

    SCOPRI DI PIÙ

  • CORRIERE ESPRESSO E PACCHI
    L’e-Commerce rappresenta uno dei segmenti su cui l’Azienda focalizza la propria attenzione e che sta maggiormente influenzando l’evoluzione dell’offerta relativa al comparto Pacchi e Corriere Espresso.
    Nel corso del 2014 l’impegno del Gruppo è stato dedicato alle attività finalizzate ad ampliare il ventaglio di possibilità offerto ai clienti, in maniera da rendere, grazie alla capillarità della rete postale, sempre più flessibili e completi i prodotti dedicati al commercio elettronico e a rafforzare i servizi accessori sui quali è focalizzata l’attenzione dei principali operatori di settore.
    • I prodotti del segmento Corriere Espresso registrano un aumento dei volumi del 46,2% e dei ricavi del 15,1% rispetto al 2013 per effetto dalla crescita del B2C e dell’e-Commerce
    • SDA Express Courier SpA registra una crescita dei volumi e dei ricavi, rispettivamente del 12,8% e del 6,1% rispetto al 2013 (+6,9 milioni di spedizioni e +22,8 milioni di euro di ricavi)
    • Il comparto del Servizio Universale Pacchi, i cui ricavi ammontano a 38,4 milioni di euro (34,8 milioni di euro nel 2013), evidenzia un buon andamento del Pacco Nazionale (+14,5% in termini di volumi e +12% in termini di ricavi) e del Pacco Internazionale Export (+2,7% in termini di volumi e +10,5% in termini di ricavi rispetto al 2013)

     

    SCOPRI DI PIÙ

  • SERVIZI DIGITALI E MULTICANALE
    Nel 2014 sono proseguite le attività di sviluppo ed erogazione dell’offerta di comunicazione ibrida, che consente la spedizione on line di Raccomandate, Telegrammi, Posta Prioritaria ed e-Commerce. In tale ambito, l’offerta Poste e-Commerce è stata arricchita con la fornitura di servizi di web marketing per la promozione on line dell’attività dei merchant.

     

    SCOPRI DI PIÙ

POSTEMOBILE
Nel corso del 2014 PosteMobile ha continuato a focalizzare il proprio impegno nel mantenimento e rafforzamento della strategia del “valore”, sviluppando iniziative in acquisizione a maggior valore che hanno consentito il consolidamento della qualità delle acquisizioni e la crescita della base clienti che, a fine dicembre 2014, raggiunge 3,3 milioni di linee (2,8 milioni di linee a tutto il 2013).

  • I ricavi e proventi delle vendite e delle prestazioni, che nel 2014 ammontano a 321,5 milioni di euro, hanno registrato un seppur lieve incremento rispetto a quanto consuntivato nel 2013 (321,1 milioni di euro).
  • Pur in presenza di una riduzione dei costi per beni e servizi, che ammontano a 233,9 milioni di euro (247,0 milioni di euro nel 2013), il Risultato operativo risente dei maggiori ammortamenti dovuti principalmente alla piattaforma Full MVNO (+12,6 milioni di euro nel 2014) e accantonamenti (+3,5 milioni di euro), attestandosi a 13,7 milioni di euro (25,4 milioni di euro nel 2013).
  • Nel complesso la gestione chiude con un utile netto di 7,8 milioni di euro (15,8 milioni di euro di utile netto nel 2013).

 

SCOPRI DI PIÙ